• Questo sito utilizza cookies di profilazione (forniti da terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente durante la navigazione in Rete. Scorrendo questa pagina o cliccando un qualsiasi link, acconsenti all’uso dei cookie.
This site uses profiling cookies (provided third parties) in order to send advertising messages consistent with the preferences expressed by the user while browsing the Internet. By scrolling this page or clicking any link, you consent to the use of cookies.
INFO Ok
 
Marocco Raid
 
punti di interesse:   

Considerazioni di fine viaggio
Paesaggio fantastico e sempre diverso, si va:
- dall'Oceano Atlantico ai passi montani Tizi n' Test (2092 metri) e Tizi n'Tinchka a (2260 metri);
- dalle Gole del Dades e di Todra alle grandi dune dell'Erg Ghebbi (Merzouga);
- dalle città imperiali, superata la catena dell'Alto Atlante, al Mar Maditerraneo che attraversiamo in notturna per approdare in Europa lasciandoci alle spalle colori, odori e sapori di questa regione dell'Africa che per due settimane, è stata parte integrante della nostra vita.
Mariella.

Chi siamo e come ci siamo mossi:

Le tappe del viaggio:

Diario di viaggio e commenti

4/9 - Cuneo - Barcellona
Ore 7 - Partiti!

Ore 19 - arrivati a Barcellona.

5/9 - Barcellona - Málaga
Sera - Dopo due giorni interminabili siamo giunti a Malaga. Domani un breve tratto fino ad Algeciras per prendere il traghetto e siamo in terra d'Africa. Sbarchiamo a Tangeri e poi giù fino a Rabat. Un saluto ai nostri compagni che stanno andando in Turchia e a tutti quelli che ci seguono.
Pippo

22:47 - Caro Pippo..che groppo allo stomaco vedere il percorso del Marocco...lo rifarei 1000 volte...grande viaggio...un abbraccio dalla Bulgaria dai Briganti 'turchi' ....
Dario

6/9 - Málaga - Rabat
Ciauu qui in terra marocchina tutto ok. Oggi Malaga-Rabat con attraversamento dello Stretto di Gibilterra in aliscafo. Domani Rabat-Casablanca-Essauria.
Mago & C.

Ciao Marocchini, ormai posso dire cosi, sono lieto che tutto funzioni bene, vi seguo con il cuore, sono luoghi che ho attraversato parecchie volte e che sono impressi nella mia mente e nel cuore indelebilmente, hanno un fascino particolare, 'Il Marocco apre l'anima' come dice una pubblicità, ma è vero. Vi auguro buon viaggio, continuate così, rimarrete innamorati anche voi di quella terra, il mal d'Africa è una malattia grave da cui non si guarisce più. Un abbraccio.
Albano

7/9 - Rabat - Essaouira
Oggi abbiamo percorso la strada costiera tra Rabat e Essaouria, 457 km di curve e saliscendi ma con un panorama bellissimo sull'Oceano Atlantico che ci ha accompagnati tutto il giorno. Domani andremo ancora più a sud e sicuramente il caldo aumenterà.
Pippo

Un caro saluto a Pippo e ai suoi amici che stanno 'trafficando' dalle parti del Marocco. Buon viaggio ragazzi.
Guido (Viaggio in Turchia)

8/9 - Essaouira - Tafraoute
Ciauuuu. Oggi Essaouria-Tafraout, km 367 di vero spettacolo. Giunti come sempre alle ore 18 in hotel, come da tabella di marcia. Domani Tafraout-Marrakech.
Mago e Giuly

Eccomi qua, in ufficio, con il naso piantato sullo schermo per curiosare e vedere dove siete...che invidia!!! bravi ragazzi, godetevela e fate tante foto, non me ne voglio perdere una!!!
Saretta di Peru

9/9 - Tafraoute - Marrakech
Gran cavalcata da Tafraoute a Marrakech lasciandoci alle spalle l'anti Atlante percorriamo valli dove i paesi hanno lo stesso colore delle rocce che li circondano. Un'improvvisa foratura sul passo Tizi-n-Test ci permette di mettere in pratica gli insegnamenti della ditta Monchiero e più che altro di proseguire la lunga discesa a valle.
Pippo e C.

10/9 - Marrakech
Ciauuuu, oggi visita per il souk e la medina di Marrakech. Acquisti di spezie e teiera per the alla menta. Ieri sera é terminato il Ramadan, cosi questa sera ci aspetta la tipica festa del lungo digiuno nella piazza di Jemaa el Fna. Ah dimenticavo, durante le lunghe contrattazioni sugli acquisti uno di noi é stato nominato "le berber italien".
Mago e Giuly

11/9 - Marrakech - Todrha
Oggi 438 km da Marrachech a Todra. Dopo avere, con dispiacere, salutato lo staff del Riad Al Jaina che ha fatto l'impossibile per coccolarci e compiacerci siamo saliti ai 2260 metri del Tizi n' Tichka. Abbiamo poi percorso la Gola del Dades ed ora siamo nella gola di Todra. Domani abbandoneremo la montagna per il deserto di Merzouga.
Pippo

12/9 - Todrha - Merzouga
Ciauuuu a tutti . Oggi abbiamo affrontato, dalle Gorges du Todrha alle dune di Merzouga al confine Marocco-Algeria, 250 km di caldo infernale oltre 40'C ma non importa lo spettacolo é indescrivibile. Sosta a Rissani per scoprire i segreti della lavorazione delle lastre di pietra con veri fossili. Qui dalle dune del Sahara Marocchino il tramonto ha un altro aspetto. Ora basta, ci aspettano a tavola, dobbiamo proseguire la Nostra dieta a zona. Inshallah
Mago & Giuly

13/9 - Merzouga - Fes
Oggi quasi 500 km da Merzouga a Fes. Alle 7.30 abbiamo lasciato il Chevalier Solitaire con la sua frescura dei condizionatori per i 'soli' 30 gradi della strada. Passando per Ar-Rachidia, Midelt, Azrou, Ifrane, con colli di 2000 metri e foreste di cedri secolari siamo arrivati a Fes dove ci fermeremo due giorni.
Pippo

14/9 - Fes - Meknes - Fes
Ciauuuuuuu da tutti noi del viaggio. Oggi visita a Meknes e a Volubilis, accompagnati dalla canicola di 45 C, domani visita alla citta di Fes. Siamo agli sgoccioli di questo duro lavoro ma ritorneremo prima o poi a riposarci.
Il Team

15/9 - Fes
Ciao a tutti i lettori ! Oggi i nostri boxer riposano in garage ed anche i nostri fondo schiena .... Giornata di visita nella meravigliosa medina di Fes con i suoi colori e profumi. Domani la strada avrà il sapore del ritorno! A bientot, inshalla !
il Pelle e soci

Ciaoooo Ragazzacci, vedo che tutto va bene e ne sono lieto, non mi stanco mai di ripetere che il Marocco ha veramente un suo fascino particolare, godetene intensamente che la prossima settimana il confronto con la realta quotidiana sarà duro, scusate non voglio rovinarvi il resto del viaggio godetevelo fino in fondo, un abbraccio a tutti voi.
Albano

16/9 - Fes - Nador (traghetto per Almeria)
Siamo al porto di Nador che aspettiamo di poterci imbarcare alla volta di Almeria. Anche se questo può sembrare il termine di questa vacanza, è in realtà un momento di confronto di tante proposte per i prossimi viaggi. Sicuramente e' stata un'esperienza positiva sia per la bellezza del paese che abbiamo visitato sia per la disponibilità del gruppo ad affrontare nuove esperienze. Un grazie a tutti coloro che hanno voluto seguirci con la fantasia in questa avventura.
Gruppo MAROCCO-RAID 2010

17/9 - Almeria - Barcellona
Grazie 'ragazzi' che avendo sempre un viaggio nuovo in tasca ci date il buon esempio, chissà dove ci porteranno le motorette la prossima volta??? io voto per il Portogallo...Peru sta pensando al deserto, chi la vince?? buon rientro!
Saretta


Sempre in moto:
Buenos Aires - Passo de Jama Sud America Passo de Jama - Buenos Aires Marocco Marocco Bis, in moto Marocco in moto Marocco Raid Way South to Dakar Black Sea Mar Negro de Motocicleta 1 Mar Negro de Motocicleta 2 Mediterraneo Da Mondovì a Praga Danubio: dalla Foresta Nera al Mar Nero Romania Giro della Scozia in moto Giro d'Irlanda in moto Long Way East Senegal, i Dogon nel Mali e Burkina Faso Astrakhan (Russia) Turchia Sempre in Moto tour overview
Tutte le nostre mappe:
InOgniDove, viaggi in città e luoghi del mondo
SempreInMoto, tour e imprese in motocicletta
SempreInBici, in bicicletta fuori porta (Lombardia)


Andalusia
Un giusto segnale di attenzione prima del viaggio.  [photo: Mago]

Stretto di Gibilterra  [photo: Giancarlo Pellegrino]

Stretto di Gibilterra  [photo: Giancarlo Pellegrino]

Tangeri
Sbarco delle moto a Tangeri, città ricca di storia e di dominazioni, inizialmente ci sono stati i cartaginesi, poi sono arrivati i romani, i vandali, gli arabi, i portoghesi, gli spagnoli e britannici. Tutto questo ha creato grandi commerci, tanto che a Tangeri nel 1950 c'erano 85 banche.  [photo: Mariella Orso]

Tanger-Ksar Sghir: bivio
Bivio con panorama marocchino.  [photo: Mago]

Tanger-Ksar Sghir: bivio
Bivio con panorama marocchino.  [photo: Mago]

Rabat
Ingresso alla città

Rabat
Pista ciclabile in notturna.  [photo: Giuly]

Casablanca
Moschea di Hassan II. Costruita per volere del re Hassan II e terminata nel 1993 con l'idea di costruire 'un edificio che fosse per l'Africa l'equivalente della Statua della Libertà per l'America'. La moscheaè costruita su uno sperone di roccia sulle rive dell'Atlantico, dopo la Mecca è il più grande edificio religioso al mondo e il suo minareto è il più alto del mondo (210 metri). Vi hanno lavorato 6.000 artigiani marocchini per cinque anni, e il progetto è del francese [...]  [photo: Pippo Mettone]

Casablanca  [photo: Mago]

Casablanca  [photo: Pippo Mettone]

Casablanca: Moschea

Casablanca: Moschea
Manutenzione delle passatoie  [photo: Giancarlo Pellegrino]

On the road: pubblicità
Reclame Peugeot perfettamente calata nell'ambiente  [photo: Mago]

Safi: il gruppo  [photo: Giancarlo Pellegrino]

On the road: ombre
Nei lunghi rettilinei c'è tutto il tempo per farsi una foto in ... bianco e nero  [photo: Mariella Orso]

Essaouira: porto
Pescherecci al porto. Un'attività fiorente è la pesca e ogni mattina al porto si vendono pesci e crostacei all'asta.  [photo: Giuly]

Essaouira: forte
L'antica torre portoghese domina l'ingresso al porto e da qui si ha un'ampia vista sulla città e sulle isole Porporine.  [photo: Pippo Mettone]

Essaouira: porta  [photo: Pippo Mettone]

Essaouira: panorama
Migliaia di gabbiani che volteggiano nel cielo sono una delle caratteristiche di questa piccola città sull'Atlantico, non a caso l'economia di Essauoira è basata più sulla pesca che sul turismo.  [photo: Mago]

Essaouira
A fianco della lunghissima spiaggia dalla sabbia finissima si estende la Medina, la città vecchia, dichiarata dall'UNESCO patrimonio dell'Umanità, e il quartiere ebraico.  [photo: Mago]

Essaouira  [photo: Pippo Mettone]

Essaouira  [photo: Pippo Mettone]

Essaouira  [photo: Giancarlo Pellegrino]

On the road: sulla N1
L'interno della costa Atlantica.  [photo: Pippo Mettone]

On the road: sulla N1  [photo: Mago]

On the road: costa atlantica
Alberi piegati dalla continua spinta del vento.  [photo: Giuly]

On the road: costa atlantica  [photo: Pippo Mettone]

Tiznit: moschea
La vecchia moschea di Tiznit, città fondata nel 1881 dal sultano Hassan I per il controllo sulle tribu berbere del Sous. Oggi famosa per la gioielleria in argento, i pugnali e le sciabole.  [photo: Mariella Orso]

Ait Teja  [photo: Mago]

On the road  [photo: Giuly]

On the road  [photo: Mariella Orso]

On the road: Anti Atlante

Tafraoute  [photo: Pippo Mettone]

Tafraoute
Hotel Les Amandiers  [photo: Giancarlo Pellegrino]

On the road: bivio
Biougra-Agadir o Ait Abdellah-Irherm?  [photo: Pippo Mettone]

Ait Abdellah  [photo: Mariella Orso]

Ait Abdellah  [photo: Mago]

On the road: sulla N10  [photo: Pippo Mettone]

On the road: sulla N10  [photo: Mago]

On the road: sulla N10  [photo: Mago]

On the road
Verso il parco nazionale Toubkal  [photo: Mariella Orso]

On the road  [photo: Mago]

On the road  [photo: Giancarlo Pellegrino]

On the road
Verso Marrakech [...]  [photo: Giancarlo Pellegrino]

Marrakech: Djemaa el Fna
Motorini in pazza

Marrakech: Djemaa el Fna
Pedoni in piazza

Marrakech: Djemaa el Fna
la piazza principale di Marrakech, la più affollata, il cuore e simbolo della città imperiale. Un tempo concludevano qui il loro lungo viaggio le carovane che arrivavano dall'India dopo aver attraversato il desero, e qui si festaggiava l'avvenimento. Ancora oggi un posto di cantastorie, incantatori di serpenti, maghi, acrobati, giocolieri, un luogo allegro e vitale, nonostante Djemaa el Fna sia traducibile anche come raduno dei morti.  [photo: Pippo Mettone]

Marrakech: Djemaa el Fna  [photo: Pippo Mettone]

Marrakech: Antenne  [photo: Pippo Mettone]

Marrakech: Djemaa el Fna
Bancarelle  [photo: Mariella Orso]

Marrakech: Djemaa el Fna
Bancarelle  [photo: Pippo Mettone]

Marrakech: torre Koutoubia
Koutoubia è la più grande moschea di Marrakech. Il minareto è stato terminato durante il regno del Califfo Almohade Yaqub al-Mansur (1184-1199) ed è stato usato come modello per la Torre di Hassan Rabat e per la Giralda di Siviglia che a sua volta ha influenzato la forma di molte torri di chiese in [...]  [photo: Mariella Orso]

Marrakech
Il gruppo a spasso per Marrakech  [photo: Mariella Orso]

Marrakech
Il gruppo allo studio della città.  [photo: Pippo Mettone]

Marrakech: souk  [photo: Pippo Mettone]

Marrakech
Mariella e Giuly [...]  [photo: Pippo Mettone]

Marrakech: souk  [photo: Giuly]

Marrakech
Tetti

Marrakech
Giuly  [photo: Giuly]

Marrakech
Pippo [...]  [photo: Pippo Mettone]

Marrakech: Riad Al Jaina  [photo: Giancarlo Pellegrino]

Marrakech: Riad Al Jaina  [photo: Giancarlo Pellegrino]

Villaggio
Nei pressi del passo Tizi n-Tichka, villaggio in fango con antenne satellitari, un bel contrasto di antico e moderno  [photo: Pippo Mettone]

Sosta informativa  [photo: Pippo Mettone]

Tizi n' Tichka: passo
Il Tizi-n-Tichka è il passo più alto del Marocco (2260 m), sempre molto ventoso ma con una vista che arriva fino al monte Toubkal.  [photo: Giancarlo Pellegrino]

On the road: verso Tizi n-Tichka  [photo: Mariella Orso]

On the road: verso Tizi n-Tichka  [photo: Mago]

Sulla N9
da Tichka verso Ouarzazate  [photo: Mago]

Aït Ben Haddou
La famosa e meglio conservata kasbah di tutto il Marocco. Il villaggio fortificato (ksar) tipico dell'architettura berbera. Tutto è costruito in pisé, un impasto di paglia e terra cruda. Le mura difensive sono sono costruite nella parte bassa con la terra, poi sopra in mattoni con caratteristiche decorazioni in fango. La pioggia è il maggior nemico che può sciogliere tutto in fango.  [photo: Pippo Mettone]

Aït Ben Haddou  [photo: Mariella Orso]

Ouarzazate
Qui si incrociano le valli dei fiumi Draa, Dadès, e Ziz con bellissimi paesaggi, piccoli villaggi, grandi oasi di palme, fiabesche kasbah e grandi distese di sassi che si estendono fino al deserto di sabbia con le sue rosse dune.  [photo: Giancarlo Pellegrino]

Ouarzazate  [photo: Giancarlo Pellegrino]

Boumalne Dades  [photo: Mariella Orso]

Gole del Dades
Il lungo tragitto nella gola scavata dal fiume Dades è molto piacevole, si corre tra fichi, mandorli, splendide formazioni rocciose e suggestive kasbah e ksour. Verso Ait Oudinar la gola si stringe bruscamente e la strada corre lungo il fiume. Strada facendo si incontrano i nomadi che portano le capre al fiume.  [photo: Mago]

Gole del Dades  [photo: Mariella Orso]

Gole del Dades  [photo: Pippo Mettone]

Sulla N10 dopo Boumalne  [photo: Mariella Orso]

Sulla N10 dopo Boumalne  [photo: Giancarlo Pellegrino]

Tinerhir
Al centro di una delle più belle oasi del Marocco meridionale con un grandioso palmeto.  [photo: Pippo Mettone]

Tinerhir  [photo: Mariella Orso]

Gorges du Todrha  [photo: Mariella Orso]

Gorges du Todrha  [photo: Mariella Orso]

Gorges du Todrha  [photo: Pippo Mettone]

Sulla N13: incontri  [photo: Mariella Orso]

Sulla N13  [photo: Pippo Mettone]

Erg Chebbi  [photo: Giuly]

Erg Chebbi
Le rosse sabbie di uno degli erg più famosi del Marocco. Una zona desertica da 6 x 20 chilometri praticata dai nomadi berberi.  [photo: Giancarlo Pellegrino]

Merzouga
Ingresso al piccolo villaggio famoso per le dune dell'erg Chebbi che si trovano lì vicino e sono meta di molti itinerari turistici.  [photo: Mariella Orso]

Hotel Le Chevalier Solitaire  [photo: Mago]

Sulla N13 presso Merzouga  [photo: Mago]

Sulla N13 presso Merzouga  [photo: Mariella Orso]

Sulla N13 presso Merzouga  [photo: Mariella Orso]

Volubilis
Antica città romana, deve probabilmente il suo nome alla ricchezza delle piantagioni e della natura. Il nome berbero invece è Walili, il fiore dell'oleandro rosa.  [photo: Pippo Mettone]

Volubilis  [photo: Giuly]

Volubilis
Molto belli sono i mosaici che adornavano le ricche dimore e che purtroppo si stanno rovinado per il sole, il vento e i turisti che ci camminano sopra.  [photo: Giuly]

Meknes
Vista della città dai tetti. Sullo sfondo il campanile della Grande Moschea.  [photo: Pippo Mettone]

Meknes
Mercato coperto  [photo: Pippo Mettone]

Meknes
Mercato coperto  [photo: Giuly]

Meknes: Medersa Bou Inania
Scuola coranica iniziata dai Merinidi nel XIV sec. completata poi dal sultano Bou Inan dal quale prende nome.  [photo: Giuly]

Meknes: Medersa Bou Inania  [photo: Giuly]

Meknes: piazza Lahdim
La più grande piazza di Meknes.  [photo: Giancarlo Pellegrino]

Meknes: piazza Lahdim
Mode

Meknes: porta Bab Mansour
Bab Mansour è la più maestosa e importante porta di Meknès, fu completata nel 1732.  [photo: Pippo Mettone]

Meknes: porta Bab Mansour  [photo: Mariella Orso]

Fes: palazzo reale
Il palazzo reale (Dar el-Makhzen) dalle porte dorate, sta di fronte alla spianata dove inizia la strada Bou khessissat con le case in legno e ferro battuto. Fes è la capitale intellettuale e artigianale, la più imperiale delle città del Marocco, una perla del mondo arabo.  [photo: Pippo Mettone]

Fes: palazzo reale  [photo: Mariella Orso]

Fes: palazzo reale  [photo: Giuly]

Fes: Bab Boujloud
La 'porta blu', una delle porte principali alla Medina, questa è la seconda, costruita all'inizio del XX secolo, molto interessante per la sua posizione strategica, i suoi elementi architettonici e l'equilibrio delle decorazioni.  [photo: Giuly]

Fes: Bab Boujloud  [photo: Pippo Mettone]

Fes: Medersa Bouanania
La più grande Madrasa di Fes, costruita dal dal 1350-1357 sotto gli auspici del sultano Abu Inan. Oggi è una moschea aperta anche ai non musulmani  [photo: Giuly]

Fes: Medersa Bouanania  [photo: Mariella Orso]

Fes: Medersa Bouanania  [photo: Giuly]
© 2007-2016 - Concept & Design by Animated Web - Cookie and Privacy Policy
Tutte le immagini sono di Animated Web salvo dove altrimenti specificato (Giancarlo Pellegrino, Giuly, Mago, Mariella Orso, Pippo Mettone)