• Questo sito utilizza cookies di profilazione (forniti da terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente durante la navigazione in Rete. Scorrendo questa pagina o cliccando un qualsiasi link, acconsenti all’uso dei cookie.
This site uses profiling cookies (provided third parties) in order to send advertising messages consistent with the preferences expressed by the user while browsing the Internet. By scrolling this page or clicking any link, you consent to the use of cookies.
INFO Ok
 
Giro motociclistico del mondo in solitaria
 
punti di interesse:    link ad altre mappe:    :   

Eccomi qua, sono Davide Biga, ho 35 anni e dopo tante avventure e tanti km (ecc. ecc.) ho deciso: FACCIO IL GIRO DEL MONDO IN SOLITARIA......!

Da quando ho 16 anni non riesco a vivere senza una moto, e dopo due Cagiva Mito, una Yamaha XT600, una Honda Dominator, un' Africa Twin, un breve periodo (tanto per sfogare due cavalli) sulla mitica Ducati 996, oggi mi ritrovo felice possessore di un'esuberante KTM 950ADV e un'instancabile BMW R1150GS con 110.000 km all'attivo.

Ho fatto parecchi viaggi in moto e fra i più interessanti ci sono:
- 2003 e 2005 tour in Marocco
- 2006 e 2010 tour in Tunisia e Malta
- 2007 tour in Islanda
- 2008 tour oltre i Balcani, Turchia e Iran
- 2010 il Ride for Life in Marocco: sono stato scelto dalla Yamaha per provare sul campo la sua ultima nata, la Tenerè 1200 in una spedizione umanitaria esperienza indimenticabile per lo scopo dell'iniziativa e per l'opportunità che mi è stata offerta.

Se volete, ho raggruppato un po' di foto e commenti dei miei viaggi in questo slideshow, oppure, trovate anche album ed altro nella mia pagina Facebook.

L'organizzazione e la gestione di un evento di questa importanza, non è cosa da poco ed è solo grazie all'aiuto ed al sostegno di grandi amici come Davide Peruzzi che, con impegno e passione, mi permettono di realizzare questo sogno.
Insieme a lui abbiamo deciso il quando, il come ed il cosa fare. Oggi, dopo un anno di preparativi, coadiuvati da Roberto Tesio, Guido Perrone e Daniela Mondino, abbiamo fondato la nostra associazione sportiva dilettantistica, la M.W.T. che seguirà tutta la parte amministrativa, di pianificazione e sponsorizzazione del viaggio.

A presto,
Davide

===== I numeri del viaggio di Davide =====
- 4 continenti
- 31 paesi
- 94.000 chilometri
- 370 giorni di viaggio (dal 15/5/2011 - al 19/5/2012)
- 1 faccia-a-faccia con un orso in Canada incuriosito dalla tenda
- 1 scafoide rotto per una brutta caduta in off-road nel salar de Uyuni in Bolivia
- 1 tentativo di rapina lungo la Transiberiana
- 1 lampadina bruciata dopo 60.000 chilometri
- 7 treni di pneumatici consumanti
- 8 cambi dell'olio motore
- 75.000 visite da tutto il mondo a questo sito
- innumerevoli nuove amicizie in tutto il mondo con persone di tutti i ceti, fantastiche e ospitali
- 1 libro in preparazione
- una voglia matta di ripartire


.
===== Le grandi tappe del viaggio =====
- Dall'Italia all'immancabile Capo Nord
- poi giù fino a Mosca
- attraversamento della Transiberiana
- imbarco a Vladivostok per il Giappone con visita alla sede della Yamaha a Ywata
- volo per Anchorage (sosta forzata per aspettare l'arrivo della moto)
- attraversamento di Alaska e Stati Uniti (New York, Miami, San Francisco)
- tutto il Sud America fin giù in Patagonia alla tappa obbligatoria di Ushuaia
- volo dal Cile alla mitica Dakar in Senegal (altra lunga sosta per aspettare la moto)
- su per l'Africa nord occidentale e Magreb
- traghetto per la Spagna
- deviazione in Portogallo per incontrare l'amico campione del mondo Hélder Rodrigues
- ritorno a Mondovi'


.
Video e interviste
Il Giro del Mondo è ormai un fantastico ricordo, ma Davide continua a girare, qui lo vediamo in un bel giro nelCederberg (Sudafrica).
Davide ci mostra ancora il Sudafrica con una serie di foto.
Il 19/7 Davide è stato intervistato da Paola Rinaldi per il sito L'Uomo con la Valigia.
Il giro del mondo in sei minuti di immagini
Intervista della GRP Televisione a Davide
Rientro trionfale di Davide a Mondovi'
Brindisi con gli amici dopo la frontiera Francia-Italia
Davide in Portogallo con Hélder Rodrigues
Davide in visita alla partenza della Dakar 2012
Le foto del Giro del Mondo - 1 di 4
Le foto del Giro del Mondo - 2 di 4
Le foto del Giro del Mondo - 3 di 4
Le foto del Giro del Mondo - 4 di 4
Intervista su Moto.it a fine viaggio
Il video realizzato da Raleri
Intervista a GRP Televisione del 30/1/2013 dove Davide racconta della sua prossima avventura.
Intervista a GRP Televisione del 23/1/2013 dove Davide racconta della sua prossima avventura.
Articolo su Endurista di Gennaio / Febbraio 2013.

Tutte le nostre mappe:
InOgniDove, viaggi in città e luoghi del mondo
SempreInMoto, tour e imprese in motocicletta
SempreInBici, in bicicletta fuori porta (Lombardia)


Mondovì
La partenza del Giro del Mondo: grande evento organizzato in Mondovì il 15/5/2011 [...]

Mondovì
Intervista a Davide Biga poco prima della partenza.

Mondovì
Le persone più vicine a Davide Biga al momento della partenza: Antonia e Davide P. [...]

Bergen
Il centro città e il porto di Bergen (Norvegia) [...]

Bergen
Rifornimento, per la moto e per Davide.

Nesttun
Paesaggio a sud di Bergen (Norvegia)

Circolo Polare Artico
Uno dei principali paralleli che si trovano indicati sui mappamondi. E' posizionato sul parallelo 66°33'39 ed è il punto più a sud da dove si possa vedere il famoso sole di mezzanotte.

Circolo Polare Artico
Il circolo polare artico delimita il confine sud del giorno al solstizio di giugno e segna il confine della notte polare al solstizio di dicembre.

Nordkjosbotn (Norvegia)
Piccolo villagio da circa 400 anime e con paesaggi stupendi. Qui si incrociano la Strada Europea E6, la principale dorsale nord-sud della Norvegia, praticamente una autostrada con due carreggiate a due corsie che prosegue poi in Svezia, e la Strada Europea E8 di collegamento Norvegia Finl [...]

Skaidi: incontri

Capo Nord
Davide Biga alla prima importante tappa del suo Giro del Mondo.

Capo Nord
Capo Nord (in norvegese Nordkapp): una falesia all'estremo nord nord dell'isola di Magerøya. Si raggiunge percorrendo la E6 e poi traghetto da Kåfjord a Honningsvåg oppure un tunnel da 7 km che si trova a 207 metri sotto il mare. [...]

Helsinki
La tenda di Davide al campeggio di Helsinki

Helsinki
Altre moto incontrate ad Helsinki

Helsinki
Havis Amanda, la sirena simbolo della città che sorge dal mare. [...]

San Pietroburgo: Sant'Isacco
La Chiesa di Sant'Isacco è fra le più belle di San Pietroburgo, è la terza chiesa più grande d'Europa, raggiunge l'altezza di 101 metri e si può andare sulla cupola salendo 262 gradini. E' stata costruita in 40 anni (1818-1858) ed è decorata dentro e fuori con vari tipi di pietre: marmo, granito, malachite, e altre pietre e poi oro e bronzo.

San Pietroburgo
Vista da uno dei ponti sul Neva. Il fiume è lungo 74 chilometri, nasce dal lago Ladoga e sfocia nel mar Baltico. Il Neva è un fiume largo e profondo ed è navigabile anche da navi molto grandi. In Inverno il Neva si ghiaccia e si può attraversare.

Mosca
Davide nella Piazza Rossa di fronte alla Cattedrale di San Basilio costruita nel 1555 da Ivan IV di Russia. In origine era formata da otto chiese più una centrale, e più tardi quella di San Basilio. Un edificio originale e unico che ricorda le fiamme di un falò che salgono verso il cielo. Dal 1928 La Cattedrale ospita il Museo Storico di Stato e dal 1990 è Patrimonio dell'umanità UNESCO.

Kazan
Lo stadi e la moschea Qolsharif risalente al XVI secolo [...]

Slatoust: confine Europa-Asia
Davide con la sua Yamaha sulla strada M5 davanti al monumento che segna il confine fra Europa e Asia

Chelyabinsk
Panoramica della città.

Irkutsk
Ingresso ad Irkutsk

Chita
Da Chita parte l'autostrada M58 Amur che si estende prima verso est e poi verso sud, a fianco del confine cinese, fino a Khabarovsk per una lunghezza di 2.100 km. Poco dopo Chita c'è stato l'incontro con un KTM in panne, aggiustato, ma dopo un'intera giornata di strada brutta è stato necessario caricarlo su un camion che lo riportasse a Chita.

Dal'nerechensk
Lo stato della M-60: terra, buche, un gran polverone e sassi volanti al passaggio dei camion.

Vladivostok
Felice incontro con Marcello Anglana, che a bordo della sua Gold Wing (che vanta la bellezza di 670.000 chilometri!) è partito dall'Italia per arrivare in Giappone. Il traghetto che abbiamo preso insieme fa sosta in Corea dove Marcello si ferma prima di andare in Giappone, io invece sono atteso ad Iwata, in Giappone, dalla sede della Yamaha.

Iwata
In Iwata c'è la sede giapponese della Yamaha. Iwata è un antico insediamento e contiene resti del periodo Nara. [...]

Iwata
L'arrivo trionfale e la calorosa accoglienza degli amici in Yamaha [...]

Iwata
Davide davanti alle moto che furono di Valentino Rossi e con le quali Yamaha, nel motomondiale del 2008, ha raggiunto la quota di 37 titoli mondiali costruttori, riuscendo nella storica impresa di sopravanzare la MV Agusta nella classifica costruttori di tutti i tempi.

Narita (aeroporto)
Arrivo in treno da Iwata, poi volo per Anchorage (Alaska) con scalo tecnico a Portland (Oregon)

Anchorage
Arrivo della moto all'aeroporto, disimballaggio e rifornimento dei liquidi tolti prima della parternza dal Giappone.

Anchorage
Vista sull'insenatura di Kook, inizio del golfo dell'Alaska.

Fairbanks (State Hwy 2)
Vista sul Tannana river dalla State Highway 2

Koidern (Alaska Hwy 1)
Presso il ponte sul Duke River

Dease Lake Highway: orsi
Incontri ravvicinati con gli orsi

Fort Fraser (Yellowhead Hwy)

Sunwapta Pass
Vista sul ghiacciaio Athabasca

Bow Lake

Niagara Falls

New York

New York
Officina Yamaha a New York

Miami

Siattle

Richmond
A Richmond c'è la filiale americana della LeoVince [...]

Richmond
Lo staff della Leo Vince USA con alla mia sinistra Tim Calhoun, Executive V.P. & U.S. General Manager.

Los Angeles

Anaheim
All'interno di Disneyland

Arizona: Dolan Springs
L'amico Vincent, di origine italiana, che mi ha offerto la sua motorhome per mettermi al riparo da serpenti e scorpioni che infestano la zona.

Arizona: Gran Canyon

Messico: Vicam
Dal diario di viaggio.
Mi raggiunge un ragazzino in bicicletta, mi dice che la mia moto gli piace tantissimo, e poi mi chiede se ho 5 pesos, glieli darei ma ho solo banconote da 200, lo invito a cena, gli dico che se viene alla locanda alle 7 sarà mio ospite. Mi ricordo che nel '85, avevo 10 anni, e lo zio di un amico veniva nel paese con una Yamaha xt600z, la Ténéré prima serie, bianca e rossa, diventavo matto per quella moto, dentro di me mi ripetevo che un giorno [...]

Messico: San Cristóbal de Las Casas
Fondata nel 1528, è stata una delle prime città nel nordamerica coloniale spagnolo.

Messico: Palenque

Panama: Portobelo
L'avventuroso imbarco della moto dalla Baia di Portobelo (Panama) alla Baia di Cartagena (Colombia).

Ecuador-Peru: frontiera

Peru: Chocope
Sosta per rifornimento e qualche incontro [...]

Peru: Ruta 001
La Ruta 001 fa parte della Carretera Panamericana che sistende lungo la costa del Perù. Completamente asfaltata e attraversa delle zone desertiche che affiancano la costa dell'Oceano Pacifico. La Ruta 001 è divisa in due parti, da Lima verso nord (Panamericana Norte) e verso sud (Panamericana [...]

Peru: Abra Malaga
Spartano posto di ristoro, con Leandro Rodhe non sappiamo bene cosa abbiamo mangiato... Leandro è stato un compagno di viaggio da Panama fino alla Bolivia. [...]

Peru-Bolivia: dogana
La dogana fra Peru e Bolivia nella cittadina di Desaguadero sul lago Titicaca [...]

Bolivia: Vacas
A Vacas c'è suor Querubina che da 11 anni sfama, istruisce e si prende cura di oltre 100 bambini delle vallate circostanti, In un luogo desolato, dove regna l'ignoranza, il medico non esiste e al suo posto ci sono gli stregoni... Dove il tasso di mortalita' infantile era elevatissimo suor Querubina e le sue aiutanti hanno fatto veramente qualcosa di eccezionale.

Bolivia: Oruro
Carnevale molto importante, costumi sfarzosi e rappresentazioni allegoriche dove il bene vince il male, danze tradizionali come la diablada. [...]

Bolivia: caduta
Brutta caduta con rottura della moto e dello scafoide. Zona desertica, dolori dappertutto, una mano fuori uso, grande sforzo per rialzare la moto e ricaricare i bagali, ripartenza lenta col morale a terra in cerca di un rifugio per valutare i danni e magari abbandonare l'avventura.

Cile: Parinacota
Dicono che nei ristorantini dove si fermano i camion si mangia bene. Non so se sia vero anche per questo ristorantino, però la vista sui vulcani Parinacota e Pomerape dalla ruta 11 è veramente bella.

Cile: mano nel deserto
Grande scultura in ferro e cemento nel deserto di Atacama, si trova a fianco della Route 5 che fa parte della Panamericana Highway. Spesso vittima dei grafittari e ogni tanto viene ripulita, inutilmente...

Cile: deserto di Atacama
La Valle della Luna nel Deserto di Atacama è ricca di curiose formazione di sabbia e pietra scavate dal vento e dall'acqua. Un impressionante miscuglio di forme e colori che fanno pensare al paesaggio lunare. Ci sono anche laghi rimasti senz'acqua con la superficie bianca per i depositi di sale che [...]

Cile: Copiapo
Davide con Herve Rodrigues a Copiapo in occasione della Dakar [...]

Cile-Argentina: confine
Paso fronterizo Los Libertadores

Cile: Buin
Compleanno di Davide a Buin, in compagnia di Nicola che ha ospitato Davide a Buin intatnto che la moto navigava lentamente su un cargo verso Dakar. Con Nicola c'è lo staff della sua pizzeria e l'amico Mario.

Cile: Buin
Impacchettamento della Yamaha per l'imbarco con destinazione Dakar.

Cile: Buin
Uno spiedo come si deve per riprendersi dalle fatiche del viaggio...

Argentina: Buenos Aires
L'obelisco di Plaza de la Republica, eretto per festeggiare i 400 anni della città. Costruito nel 1936 da 137 operai in soli 31 giorni. Base più obeliscono raggiungono l'altezza di 67,5 metri. Nel 1939 si è cercato di demolirlo ma poi è diventato uno dei simboli di Buenos Aires. Nel 2005 in occasione della giornata mondiale di lotta all'AIDS è stato rivestito con un preservativo lungo 67 metri.

Argentina: Comandante Luis Piedra Buena
Al mattino dopo una notte in tenda a fianco della Ruta Nacional 3 nei pressi del paesino che ha preso il nome dal Comandante Luis Piedra Buena che lì dormì nel 1859.

Argentina: ghiacciaio Perito Moreno
Nel parco nazionale Los Glaciares una delle viste più mozzafiato della Patagonia argentina: 250 chilometri quadrati di ghiaccio su una lunghezza di 30 chilometri, la terza riserva di acqua dolce del mondo. Il nome gli viene dall'esploratore Francisco Moreno che studiò l'area nel XIX secolo.

Cile: Puerto Natales
E venne sera, e venne mattina ... una notte in tenda a Puerto Natales, nella provincia dal nome poco rassicurante di Ultima Esperanza. [...]

Cile: Stretto di Magellano
Passaggio naturale tra l'Oceano Pacifico e l'Atlantico. Prima del Canale di Panama (1914) era l'unico modo sicuro per passare da un'oceano all'altro, un passaggio protetto dalla Terra del Fuoco a Sud e dal continente sudamericano a nord, comunque un passaggio difficile per le dimensioni e la [...]

Argentina: terra del fuoco
Ruta 3 a sud del Lago Fagnano, nei pressi di Ushuaia

Argentina: Ushuaia
Il punto più a sud dell'intero giro del mondo di Davide, meta mitica come lo è stata Capo Nord, però molto più difficile da raggiungere. I depliant pubblicitari dicono che qui finisce il mondo, è in effetti è la città più meridionale del pianeta, nella Terra del Fuoco separata dal continente dallo Stretto di Magellano e che ha nel punto più a sud Capo Horn e poi c'è solo l'inospitale Antartide. Città in mezzo al nulla, intorno solo sterminate praterie, boschi e canali. [...]

Senegal: Dakar
L'amico Alioune Khoule che ha ospitato Davide a Dakar nei 26 giorni di sosta forzata in attesa della moto che doveva arrivare via nave dal Cile.

Senegal: Dakar
Foto di gruppo con moto

Senegal: Dakar - Lago Rosa
Davide con Alioune Khoule che l'ha ospitato a Dakar durante la lunga attesa per l'arrivo della moto dal Sud America. Il Lago Rosa di Dakar era il punto di arrivo della mitica Parigi-Dakar.

Mauritania: Rosso
In attesa del traghetto che dal Senegal porta in Mauritania a Rosso, importante porto commerciale sul Rio Senegal.

Mauritania: Nouakchott
Ingresso nell'area di Nouakchott in uno dei controlli dell'esercito presenti ogni 50-100 km dove prendono i riferimenti del passaporto e ti chiedono dove stai andando in modo che se il giorno dopo non ti vedono sanno in che zona potresti essere stato rapito dai predoni.

Marocco: Merzouga - Le Chevalier Solitaire
Nei pressi dell'Erg Chebbi, a Merzouga, lungo la strada Rissani Merzouga, c'è l'hotel-riad Le Chevalier Solitaire, punto di partenza per giri in marocco di vario tipo, con cammelli, moto, 4x4 e anche 2 gambe, le proprie...

Marocco: Col du Tichka
Sosta obbligatoria al Col du Tichka (il passo dei pascoli), sulla catena montuosa dell'Atlante, a 2.260 metri d'altezza sulla strada N9 che collega Marrakesh a Ouarzazate. Strada di montagna ben tenuta ma comunque pericolosa.

Marocco: Marrakesh
La città vecchia, la medina, è un luogo fresco e rilassante con un gran via vai di merci e persone.

Marocco: Marrakesh
Entro le mura della città vecchia si trovano resti dell'antica e mitica Marrakesh.

Portogallo: Torres Vedras
Davide con Hélder Rodrigues, campione di rally e di enduro.

Barcellona: Sagrada Familia
La grande basilica ancora incompleta dell'architecco Antonio Gaudì. Simbolo di Barcellona e tappa obbligatoria per chi ci va.

Barcellona
Davide con Vicente Jiménez

Colle di Tenda
L'incontro con gli amici del Club Tenere al Colle di Tenda, nella frontiera Francia-Italia per percorrere insieme l'ultimo tratto di strada fino alla meta finale di Mondovì

Mondovì
La grande accoglienza degli amici al ritorno a Mondovì

Tour in moto Argentina-Cile
Clicca per vedere il viaggio Argentina-Cile fatto da Davide Peruzzi [...]

Tour in moto Cile-Argentina
Clicca per vedere il viaggio Cile-Argentina fatto da Davide Peruzzi [...]

Tour in Marocco : Raid for Life
Clicca per vedere il viaggio in moto fatto da Davide Biga per Yamaha
© 2007-2016 - Concept & Design by Animated Web - Cookie and Privacy Policy
Tutte le immagini sono di Davide Biga salvo dove altrimenti specificato