• Questo sito utilizza cookies di profilazione (forniti da terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente durante la navigazione in Rete. Scorrendo questa pagina o cliccando un qualsiasi link, acconsenti all’uso dei cookie.
This site uses profiling cookies (provided third parties) in order to send advertising messages consistent with the preferences expressed by the user while browsing the Internet. By scrolling this page or clicking any link, you consent to the use of cookies.
INFO Ok
 
Astrakhan (Russia)
 
punti di interesse:   

Il viaggio di Albano e Pippo, due amici, due moto e una meta: la mitica Astrakhan.


Il programma di viaggio

I chilometri pianificati sono poco più di 8.700

Le foto di viaggio


.

Video
Gli invadenti moscerini di Astrakhan


Sempre in moto:
Buenos Aires - Passo de Jama Sud America Passo de Jama - Buenos Aires Marocco Marocco Bis, in moto Marocco in moto Marocco Raid Way South to Dakar Black Sea Mar Negro de Motocicleta 1 Mar Negro de Motocicleta 2 Mediterraneo Da Mondovì a Praga Danubio: dalla Foresta Nera al Mar Nero Romania Giro della Scozia in moto Giro d'Irlanda in moto Long Way East Senegal, i Dogon nel Mali e Burkina Faso Astrakhan (Russia) Turchia Sempre in Moto tour overview
Tutte le nostre mappe:
InOgniDove, viaggi in città e luoghi del mondo
SempreInMoto, tour e imprese in motocicletta
SempreInBici, in bicicletta fuori porta (Lombardia)


Cuneo
Fra le tante cose belle e buone di Cuneo, da ricordare gli ottimi cuneesi, in modo particolare quelli al Rhum...  [photo: Wikipedia]

Belgrado
Capitale della Serbia, si trova alla confluenza dei fiumi Sava e Danubio.  [photo: Wikipedia]

Vidin
Aspettando il traghetto sul Danubio fra Vidin e Calafat [...]  [photo: Pippo Mettone]

Buzau: palazzo comunale
Costruito fra il 1899 e il 1903 su progetto dell'architetto rumeno Alexandru Svulescu.  [photo: Albano Marocco]

Galati
Città della Romania situata sulla riva sinistra del Danubio.  [photo: Wikipedia]

Odessa
La famosa scalinata del film La Corazzata Potemkin girato da Sergej Ejzenatejn e proiettato la prima volta nel 1925.  [photo: Pippo Mettone]

Odessa
Albano alll'Hotel Odessa  [photo: Pippo Mettone]

Sebastopoli
Istituto dei Mari del Sud e delfinario  [photo: Pippo Mettone]

Sebastopoli
Albano alla ricerca di cimeli storici  [photo: Pippo Mettone]

Sebastopoli
Sebastopoli è uno dei più grandi porti del mondo grazie al suo splendido porto naturale. E' sempre stato un porto di importanza strategica per la Russia e unico porto libero dai ghiacci. Un luogo segreto per molti anni per aver ospitato la flotta sovietica del Mar Nero. Sullo sfondo uno dei [...]  [photo: Pippo Mettone]

Yalta: la cattedrale
Conquistata dall'impero ottomano e da quello russo, quando lo zar Alessandro II stabilì nelle vicinanze la sua residenza estiva, divenne una delle più eleganti città balneari nel Mar Nero. Nella residenza dello zar, a Livadiya, si tenne nel '45 il famoso incontro fra Roosevelt, Stalin e C [...]  [photo: Wikipedia]

Malorechenskoe
Tempio-faro di San Nicola Taumaturgo, l'unico tempio-faro dedicato ai viaggiatori e coloro che sono morti in mare. L' edificio religioso si trova in un precipizio a picco nel mare, nel villaggio di Malorechenskoye non lontano da Alushta, è visibile da molti punti della costa meridionale della Crimea. Invece della tipica cupola in cima al tempio c'è una croce d'oro sopra una sfera che simboleggia il mondo. Nel globo c'è una stanza con lanterna per facilitare la navigazione [...]

Kerch
Arrivati nella città di Kerch, nella repubblica autonoma di Crimea (Ucraina) tra il Mar d'Azov e il Mar Nero

Kerch
Monumenti in ricordo della Seconda Guerra Mondiale  [photo: Albano Marocco]

Kerch
Il Khersones nel porto di Kerch. Un tre alberi, nave scuola costruita nel 1989 nel cantiere navale di Danzica, in Polonia. La nave prende il nome dalla città di Kherson , sulla costa settentrionale del Mar Nero.  [photo: Albano Marocco]

Krym
Dogana e imbarco per la Russia.

On the road: granai
La Russia è uno dei massimi esportatori mondiali di grano.  [photo: Pippo Mettone]

Krasnodar
L'origine della città inizia con una fortezza costruita dai cosacchi. Occupata dai tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale con combattimenti che l'hanno molto danneggiata. E' stata poi ricostruita ed oggi è il centro economico della Russia meridionale. La parte antica della città è stata restaurata e ricostruita, ed è oggi una attrazione turistica.  [photo: Wikipedia]

On the road
Sperduta stazione di servizio con una 'invogliante' caffetteria ricavata da un vagone ferroviario dismesso.  [photo: Pippo Mettone]

On the road
Ingresso in Astrakhan

Astrakhan: Cattedrale di San Vladimiro
Astrakhan è una delle più importanti città nella parte meridionale della Russia. Si trova sul fiume Volga che sfocia nel vicino Mar Caspio. Fu prima distrutta da Tamerlano, poi nel 1556 fu conquistata da Ivan il Terribile, e nel 1569 assediata dall'esertito ottomano. Nel XVII secolo diventa uno dei crocevia russi per i traffici verso l'oriente e in città si insediano mercanti provenienti dall'Armenia, dalla Persia e da Khiva creando un ambiente variegato e moltinazionale. [...]  [photo: Pippo Mettone]

Astrakhan: Ponte sul Volga
Finalmente arrivati ad Astrakhan  [photo: Pippo Mettone]

Astrakhan
Cattedrale del Cremlino di Astrakhan, risale al 1558, data della fondazione della città.  [photo: Pippo Mettone]

Astrakhan
A causa della gran quantità di moscerini bisogna lavorare con le reti da apicultore.  [photo: Pippo Mettone]

Volgograd: cambio della guardia
La fiamma eterna al pantheon della gloria.
Volgograd si trova sulle rive del Volga. Il suo precedente nome è molto più famoso: Stalingrado, luogo di una delle più importanti e cruente battaglie sul fronte Russo-Tedesco durante la Seconda Guerra Mondiale, battaglia che segnò l'inizio del tracollo militare della Germania.  [photo: Albano Marocco]

Volgograd: chiesa di Tutti i Santi
Chiesa costruita per commemorare i morti della Seconda Guerra Mondiale. Si trova sulla collina Mamaev Kurgan.  [photo: Albano Marocco]

Volgograd: La Madre Patria chiama
La Madre Patria chiama: statua alta 52 metri (85 con la spada), la più grande statua al mondo nel 1967. Si trova a Volgograd (ex Stalingrado) sulla collina Mamaev Kurgan. Nella foto si può confrontare la dimensione della statua con quella delle persone. [...]  [photo: Pippo Mettone]

Volgograd: madre addolorata
Monumento sulla collina Mamaev Kurgan  [photo: Albano Marocco]

On the road: fra Rostov e Volgograd
Monumento ai carristi della Seconda Guerra Mondiale [...]  [photo: Albano Marocco]

Kiev: Monastero San Michele
Monastero sulla riva occidentale del fiume Dnieper, nella parte alta del centro storico. Il monastero risale al medio-evo, distrutto nel 1934 dai sovietici, scempio per fortuna bloccato dell'Accademia delle Belle Arti di Leningrado. Nel 1991 con l'indipendenza dell'Ucraina si cominciò l'opera di ricostruzione.  [photo: Pippo Mettone]

Kiev: piazza Indipendenza
Maidan Nezalezhnosti, la più centrale delle piazze di Kiev. Risale al 1830 e conteneva delle fortificazioni in pietra. I primi edifici sono del 1850, poi nel 1876 è stato innalzato il palazzo del parlamento (Duma) e nel 1894 divenne capolinea del primo tram. Gravemente danneggiata durante la Seconda Guerra Mondiale quando l'Armata Rossa in ritirata minò gli edifici per non lasciarli ai tedeschi. Ricostruita nel dopoguerra con edifici di tipica architettura stalinista. [...]  [photo: Pippo Mettone]

Kiev: piazza Indipendenza  [photo: Pippo Mettone]

Kiev: piazza Indipendenza  [photo: Albano Marocco]

Kiev: Santa Sofia
La Cattedrale di Santa Sofia è uno dei luoghi più conosciuti di Kiev, il primo sito ucraino inserito tra i Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. Le prime fondazioni risalgono al 1037 e ci vollero 20 anni per costruirla. Con la rivoluzione russa del 1917 e la seguente campagna antireligiosa del 1920 fu decisa la distruzione e la trasformazione delle fondazioni in un parco dedicato agli eroi della guerra civile russa in Crimea. Molti scienziati e storici si opposero, ma nel 1934 [...]  [photo: Albano Marocco]

Humor
La chiesa e la torre del monastero di Humor in Romania.  [photo: Albano Marocco]

Humor
Le pareti affrescate del monastero di Humor, costruito nel 1530, chiuso nel 1786 e riaperto nel 1990. Insieme a quello di Voronet è stato il primo monastero affrescato della Bucovina. Gli affreschi sono del 1535, opera di Toma di Suceava. Nei vari affreschi troviamo l'assedio di Costantinopoli e l'ultima cena, scene che si ripetono anche negli altri monasteri della Bucovina, inoltre troviamo l'inno alla Vergine ispirato al poema del patriarca Sergio di Constantinopoli che [...]  [photo: Albano Marocco]

Humor
Interno della chiesetta del monastero di Humor in Romania.  [photo: Pippo Mettone]

Voronet
Il monastero romeno di Voronet dal 1993 è stato dichiarato dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità. Lo volle Stefano il Grande nel 1488 per ricordare la vittoria sui Turchi del 1475, e in quattro mesi il lavoro fu portato a termine.  [photo: Albano Marocco]

Voronet
Il Giudizio Universale, affresco esterno per il quale il monastero di Voronet è conosciuto anche come la Cappella Sistina d'oriente.  [photo: Pippo Mettone]

Voronet
Interno della chiesetta del monastero di Voronet. Dell'arredamento originale non è rimasto più nulla, anche il trono è una copia di cui l'originale è conservato in un museo.  [photo: Pippo Mettone]

Vatra Moldovitei
Nel piccolo villaggio di Vatra Moldoviei c'è il monastero di Moldovia con una chiesa dedicata all'Annunciazione, chiesa che risale al 1532 e che oggi è Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO insieme al complesso delle Chiese della Moldavia.  [photo: Albano Marocco]

Vatra Moldovitei
Gli affreschi nella parte posteriore della chiesa. [...]  [photo: Pippo Mettone]

Vatra Moldovitei
Interno della chiesetta del monastero di Moldovia.  [photo: Albano Marocco]

Prislop
Chiesa ortodossa al passo di Prislop (1.416 metri).  [photo: Pippo Mettone]

Sapanta
Il Cimitirul Vesel, ovvero il Cimitero allegro, si trova in Romania nel paese di Spânca. Cimitero allegro perchè le tombe sono dipinte con scene di vita quotidiana e spesso descrivono il defunto in modo ironico. La storia di questo particolare cimitero è iniziata nel 1934, quando lo scultore locale Stan Ioan Patra_, dipinse la sua futura sepoltura, poi dal 1960, un paio d'anni dopo la sua morte, diverse centinaia di tombe sono state ispirate dal suo lavoro. La tomba più [...]  [photo: Pippo Mettone]

Sapanta
Piccola galleria delle tombe del Cimitero Allegro di Sapanta.

Budapest
Forse la più bella città sul Danubio. La capitale dell'Ungheria è molto amata dai turisti ed è una delle città più visitate al mondo.  [photo: Wikipedia]
© 2007-2016 - Concept & Design by Animated Web - Cookie and Privacy Policy
Tutte le immagini sono di Animated Web salvo dove altrimenti specificato (Albano Marocco, Pippo Mettone, Wikipedia)